Bando ISI INAIL 2020/2021: progetti di bonifica da materiali contenenti amianto

bando Inail 2 1
  • Home
  • Amianto
  • Bando ISI INAIL 2020/2021: progetti di bonifica da materiali contenenti amianto

Il Bando ISI INAIL 2020/2021 prevede incentivi per finanziare interventi in materia di salute e sicurezza sul lavoro.

Tra le tipologie di progetto finanziabili rientrano i progetti di bonifica da materiali contenenti amianto (Asse di finanziamento 3).

Quali sono gli obiettivi del bando e a chi si rivolge?

Il Bando ISI INAIL 2020/2021 ha come obiettivo principale il miglioramento e la tutela della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro e si rivolge a tutte le imprese ubicate sul territorio nazionale, anche individuali, in possesso dei requisiti di cui all’Avviso Pubblico ISI 2020 e prevede incentivi per oltre 211 milioni di euro per la realizzazione, di interventi in materia di salute e sicurezza sul lavoro.

Cosa prevede il bando?

Si tratta di un contributo a fondo perduto messo a disposizione dall’INAIL (Istituto Nazionale Assicurazione Infortuni sul Lavoro), suddiviso in quattro Assi di finanziamento.

Il finanziamento, in conto capitale, è calcolato sulle spese ritenute ammissibili al netto dell’IVA ed è pari al 65% dell’importo speso, compreso tra il contributo minimo erogabile di € 5.000,00 e il contributo massimo erogabile di € 130.000,00.

In particolare per incentivare la bonifica per rimozione di materiali contenenti amianto (MCA) dai luoghi di lavoro, sono stati assegnati incentivi per 60 milioni di euro (Asse di finanziamento 3).

Come accedere al bando?

Il bando prevede una procedura informatica che si svolgerà quest’anno. Pertanto le domande potranno essere presentate tramite il portale INAIL a partire dal 1 giugno 2021 ed entro le ore 18:00 del 15 luglio 2021. 

Perché è importante rimuovere l’amianto?

L’amianto è un materiale altamente nocivo per l’ambiente e per la salute dell’uomo, ed è ancora presente in diversi manufatti, collocati negli ambienti di lavoro.

È stato ampiamente utilizzato in passato per le sue proprietà termoisolanti e fonoassorbenti, su lastre per le coperture di tetti e capannoni, su condotte e tubazioni per l’acqua, nelle mattonelle, nelle pannellature, nelle guaine di coibentazioni di tubazioni e cavi elettrici, etc.

Bonificare i luoghi di lavoro dalla presenza di amianto significa:

  • tutelare la salute dei lavoratori eliminando il rischio da esposizione;
  • migliorare le condizioni di sicurezza dei lavoratori;
  • ridurre le emissioni inquinanti per l’ambiente;
  • attuare le misure di prevenzione.

La nostra azienda, iscritta all’Albo Nazionale Gestori Ambientali nelle categorie 10A e 10B per la rimozione e nella categoria 5 per il trasporto, è specializzata nei servizi di bonifica di manufatti e siti contaminati da amianto.

Il nostro personale, in possesso di attestati di abilitazione, acquisiti attraverso la frequenza di specifici corsi di formazione, offre un servizio completo che prevede: 

  • il sopralluogo gratuito;
  • la bonifica (per rimozione, confinamento e incapsulamento) di manufatti in amianto;
  • l’invio a smaltimento;
  • la sostituzione dei manufatti in amianto con nuove installazioni.

Tutte le operazioni effettuate vengono certificate, garantendo ai nostri clienti la trasmissione della documentazione agli organi competenti ed il rilascio del FIR che attesta il corretto smaltimento del rifiuto. 

Per maggiori informazioni sui nostri servizi relativi alla bonifica dei manufatti in amianto è possibile contattarci anche online. Il nostro team vi risponderà nel più breve tempo possibile.

Hai delle esigenze simili
o vuoi saperne di più su questo servizio?

Vuoi rimanere in contatto
con EcolSea?

Tag:
Condividi: