Bonifica di siti inquinati: in cosa consiste?

bonifica siti inquinati
  • Home
  • News
  • Bonifica di siti inquinati: in cosa consiste?

Cosa fare se in una zona di nostra competenza viene rilevato un livello di inquinamento superiore alla norma?

Questa domanda è una delle più frequenti che viene rivolta a chi si occupa di bonifica ambientale, dal momento che un rilevamento anomalo dell’inquinamento in una determinata area può bloccare la vita stessa all’interno del sito in questione.

Può trattarsi di un’azienda privata, così come di un parco pubblico o di una zona marittima in cui l’inquinamento causato dalle acque reflue riverse in mare abbia di fatto reso la zona inospitale per la flora marittima e per le stesse persone.

Come avviene la bonifica di siti inquinati?

Il procedimento di bonifica inizia solitamente con una comunicazione: sono gli stessi rilevatori ambientali che, con le postazioni fisse di controllo o per mezzo di controlli occasionali o programmati, si accorgono dell’eccesso di inquinamento in un sito preciso.

Dopo la rilevazione, gli esperti ambientali elaborano il documento in cui si accerta dove è concentrato maggiormente l’inquinamento rispetto alla planimetria del luogo.

Si parla di potenziale contaminazione finché non si arriva ad un piano di caratterizzazione: è l’analisi del rischio sanitario che dichiara il sito contaminato.

Il Piano di Caratterizzazione è infatti utile a capire come si è arrivati a quel punto di inquinamento: attraverso questa indagine si ricostruiscono tutte le attività svolte nel sito o nelle zone limitrofe, e che possono aver influito sulla condizione di inquinamento attuale.

Vengono quindi rilevati dei campioni, ad esempio di acqua o di terra, per le analisi in laboratorio, seguito dall’analisi del rischio che determina in via definitiva se il territorio è da considerarsi inquinato o non inquinato.

Se l’analisi del rischio sanitario dichiara il sito contaminato, si procede con la redazione del Progetto di Bonifica, che dopo essere approvato va presentato agli enti preposti. I consulenti ambientali cercano le migliori soluzioni per eseguire la bonifica ambientale, evidenziando tecnologie da utilizzare, costi e tempi previsti. 

Tutto è pronto per la bonifica vera e propria. Durante le operazioni di bonifica ambientale è importante che il sito sia popolato solo dagli operatori autorizzati.

Cosa prevede la bonifica?

Il testo di legge di riferimento per questo settore è il Dlgs. 152/06, nella quale vengono identificati gli interventi di bonifica e ripristino ambientale dei siti inquinati e indicate le procedure per l’effettuazione delle attività di eliminazione delle sorgenti di inquinamento e per la riduzione delle concentrazioni di sostanze inquinanti.

In caso di bonifica di siti inquinati, il team di Ecol Sea si occupa di tutte le fasi e le attività previste dalla legge. In particolare offriamo servizi di:

  • opere di messa in sicurezza d’urgenza
  • opere di messa in sicurezza operativa
  • bonifica e ripristino ambientale/messa in sicurezza permanente

Hai delle esigenze simili
o vuoi saperne di più su questo servizio?

Vuoi rimanere in contatto
con EcolSea?

Tag:
Condividi: