Come si smaltiscono i RAEE

rifiuti RAEE

Smaltimento rifiuti speciali RAEE

Sono considerati RAEE tutti quegli apparecchi che per funzionare hanno avuto bisogno di corrente elettrica o batterie come i grandi elettrodomestici (lavatrici, frigoriferi forni elettrici), apparecchiature elettroniche di telecomunicazione (computer fissi o portatili, televisori smartphone e stampanti), apparecchiature di consumo (videocamere o lampade fluorescenti), pannelli solari e piccoli elettrodomestici. Per aiutare il consumatore sugli imballaggi di questi prodotti è disegnato un bidone barrato a significare che questi oggetti non vanno gettati nei normali secchi che usiamo tutti i giorni. 

Tutti questi rifiuti sono considerati pericolosi per l’ambiente, i RAEE contengo spesso sostanze tossiche a livello ambientale come i CFC (Clorofluorocarburi), presenti nei condizionatori ad esempio. E’ bene riciclare quanto più possibile questi rifiuti che al loro interno oltre a materiali inquinanti contengono materie prime importanti come possono essere l’oro dei contatti elettrici, il metallo, dall’acciaio e alluminio delle strutture al rame dei vari fili o tubi interni. Tutte queste risorse possono essere riutilizzate senza ricorrere ad una nuova costosa e inquinante, sotto tutti i punti di vista, estrazione dal terreno salvaguardando l’ambiente e allo stesso tempo riducendo molto i costi di produzione e trasporto dei materiali stessi.

Come si smaltiscono i RAEE


Come tutti i rifiuti anche i RAEE vanno ovviamente smaltiti in qualche modo, e per questo tipo di prodotti ci sono specifiche regole da seguire, dettate direttamente dall’unione europea e recepite dai vari enti.

Centri di raccolta

I rifiuti possono essere consegnati a particolari centri di raccolta, molto spesso chiamate isole ecologiche che provvedono al ritiro e alla catalogazione dei rifiuti in questione spedendoli poi a centri che li selezioneranno ancora una volta per riciclare il più possibile i materiali al loro interno. Spesso questi centri offrono la possibilità di conferire questi oggetti anche in specifiche giornate ecologiche in varie località del Comune di interesse.

Nei negozi con la regola 1 al cambio d 1

Se acquisti un nuovo elettrodomestico o qualsiasi apparecchio elettronico, il rivenditore è obbligato a ritirare in modo gratuito il vecchio dispositivo. Per esempio, se ti rechi in un negozio per comprare un nuovo frigorifero, il negozio sarà costretto a ritirare il frigorifero vecchio. Questa regola è valida anche per acquisti effettuati online, ma bisogna ricordare di selezionare l’opzione al momento dell’acquisto.

Modalità 1 contro 0

In caso di piccoli elettrodomestici o comunque RAEE di piccole dimensioni, anche in caso di non acquisto di un prodotto nuovo, il negoziante è tenuto obbligatoriamente al ritiro del rifiuto in modo gratuito, senza appunto che tu debba per forza acquistare un prodotto nuovo. Questo vale per i negozi che hanno una superficie maggiore di 400mq. Per quanto riguarda negozi più piccoli, il ritiro del rifiuto è facoltativo, pur restando gratuito per l’utente che ne fa richiesta.

A livello nazionale purtroppo solo poco più del 30% dei rifiuti RAEE viene correttamente smaltito e riciclato. Questo tipo di rifiuti sono allo stesso livello sia pericolosi se smaltiti male e al contempo preziosi se smaltiti e riciclati nella maniere prevista dalle regole a livello europeo.

Hai delle esigenze simili
o vuoi saperne di più su questo servizio?

Vuoi rimanere in contatto
con EcolSea?

Tag:
Condividi: