Bando ISI INAIL 2021-2022: fino a 130.000€ a fondo perduto per bonifiche di amianto

bando inail ecol sea 02 2 1
  • Home
  • Amianto
  • Bando ISI INAIL 2021-2022: fino a 130.000€ a fondo perduto per bonifiche di amianto

Il Bando ISI INAIL 2021-2022 prevede incentivi fino a 130.000€

Con il nuovo Bando ISI Inail 2021-2022 sono previsti incentivi in materia di salute e sicurezza sul lavoro. Tra le tipologie di progetto finanziabili rientrano i progetti di bonifica da materiali contenenti amianto.

Webinar gratuito il 5 aprile

Iscriviti senza impegno al webinar gratuito per scoprire nel dettaglio tutte le novità del Bando ISI Inail insieme al Dott. Rosario Genchi, Project Manager esperto in Europrogettazione e al Dott. Davide La Cavera, responsabile commerciale di Ecol Sea SRL.

Compila il contact form di fianco per ricevere il link e partecipare alla diretta.

Quali sono gli obiettivi del bando e a chi si rivolge?

Il Bando ISI INAIL 2021-2022 ha come obiettivo principale il miglioramento e la tutela della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro e si rivolge a tutte le imprese ubicate sul territorio nazionale, anche individuali, iscritte alla Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura. Il bando nasce per incentivare la sicurezza sul lavoro e anche interventi rivolti all’ecosostenibilità.

Gli interventi devono essere effettuati presso il luogo di lavoro nel quale l’impresa richiedente esercita la propria attività

Spese ammissibili finanziabili: cosa prevede il Bando ISI Inail 2021-2022 per la bonifica di amianto?

Per quanto riguarda le attività di bonifica di amianto, che rientrano nell’Asse di finanziamento 3 del bando e per cui sono stati stanziati 74 milioni di euro, sono comprese tra le spese ammissibili finanziabili sia le spese di progetto che le spese tecniche e assimilabili.

L’importo totale del progetto è finanziabile nella misura del 65% a fondo perduto sempre ché sia compreso tra il contributo minimo erogabile di 5.000 euro e il contributo massimo erogabile di 130.000 euro. Le spese tecniche e assimilabili sono finanziabili entro la percentuale massima del 10% rispetto ai costi delle spese di progetto, con un importo massimo complessivo di 10.000 euro.

Spese di progetto e spese tecniche e assimilabili: che cosa comprendono?

Con il termine spese di progetto si fa riferimento a tutte le spese direttamente necessarie all’intervento, ed anche a quelle accessorie o strumentali, funzionali alla sua realizzazione e indispensabili per la sua completezza, comprese, solo nel caso della rimozione di coperture in cemento-amianto, anche quelle relative al rifacimento delle stesse.

Oltre alla bonifica, è ammissibile a finanziamento il rifacimento della copertura, compresi gli elementi accessori come le lattonerie (scossaline) e i canali di gronda (nei limiti definiti dal bando). La nuova copertura può comprendere impianti fotovoltaici integrati in cui i moduli fotovoltaici sostituiscono gli elementi di copertura. Sono inoltre comprese le spese edili accessorie e quelle per l’esecuzione dei lavori in sicurezza.

Le spese tecniche e assimilabili, invece, fanno riferimento a tutte le spese non facenti parte del progetto ma che sono necessarie per:

  • la redazione della perizia asseverata;
  • la determinazione analitica dell’amianto (certificato di analisi o rapporto di prova) effettuata da laboratorio qualificato dal Ministero della Salute per la specifica metodologia di analisi utilizzata;
  • la produzione di progetti ed elaborati a firma di tecnici abilitati;
  • la direzione lavori e il coordinamento della sicurezza in fase di progettazione e di esecuzione;
  • la produzione di ogni documentazione o certificazione, riguardante l’intervento, richiesta dalla normativa, quali certificazioni di prova, di regolare esecuzione o collaudo, di prevenzione incendi, acustiche, ecc.;
  • le denunce di messa in servizio di impianti (messa a terra e relative verifiche, protezione da scariche atmosferiche, ecc.);
  • e relazioni e dichiarazioni asseverate ove richieste dalla normativa (su barriere architettoniche, classificazione degli ambienti con pericolo di esplosione, ecc.);
  • la corresponsione di oneri previsti per il rilascio di autorizzazioni o nulla osta da parte di enti e amministrazioni preposte ad eccezione di quanto necessario per la redazione e la presentazione del Piano di lavoro, che rientra nelle spese di progetto.

Tipologie di intervento finanziabili

Con il Bando ISI Inail 2021-2022 gli interventi di bonifica da MCA finanziabili sono unicamente quelli relativi alla rimozione con successivo trasporto e conferimento a impianto autorizzato ai sensi del d.lgs. 152/2006 e s.m.i.

Sono dunque esclusi dal finanziamento tutti gli interventi di rimozione non comprendenti lo smaltimento, quelli di incapsulamento o confinamento e, infine, il mero smaltimento di MCA già rimossi.

Per ottenere il finanziamento, gli interventi di bonifica dovranno essere affidati a ditte qualificate e iscritte all’Albo Nazionale Gestori Ambientali nelle categorie 10A o 10B per la rimozione e nella categoria 5 per il trasporto dei MCA, come Ecol Sea s.r.l.

Come accedere al bando?

Il bando prevede una procedura informatica, pertanto le domande potranno essere presentate in via telematica tramite il portale INAIL. Le informazioni sull’apertura del bando e le modalità di invio telematico saranno pubblicate sul portale Inail a partire il 26 febbraio 2022.

Perché è importante rimuovere l’amianto?

L’amianto è un materiale altamente nocivo per l’ambiente e per la salute dell’uomo, ed è ancora presente in diversi manufatti, collocati negli ambienti di lavoro.

È stato ampiamente utilizzato in passato per le sue proprietà termoisolanti e fonoassorbenti, su lastre per le coperture di tetti e capannoni, su condotte e tubazioni per l’acqua, nelle mattonelle, nelle pannellature, nelle guaine di coibentazioni di tubazioni e cavi elettrici, etc.

Bonificare i luoghi di lavoro dalla presenza di amianto significa:

  • tutelare la salute dei lavoratori eliminando il rischio da esposizione;
  • migliorare le condizioni di sicurezza dei lavoratori;
  • ridurre le emissioni inquinanti per l’ambiente;
  • attuare le misure di prevenzione.

Perché rivolgersi ad Ecol Sea s.r.l per effettuare una bonifica di amianto

La nostra azienda è iscritta all’Albo Nazionale Gestori Ambientali nelle categorie 10A e 10B per la rimozione e nella categoria 5 per il trasporto, ha esperienza pluriennale nel settore ed è specializzata nei servizi di bonifica di manufatti e siti contaminati da amianto.

Il nostro personale, in possesso di attestati di abilitazione, acquisiti attraverso la frequenza di specifici corsi di formazione, offre un servizio completo che prevede: 

  • il sopralluogo gratuito;
  • lo studio di consulenza e fattibilità;
  • la bonifica (per rimozione, confinamento e incapsulamento) di manufatti in amianto;
  • l’invio a smaltimento;
  • la sostituzione dei manufatti in amianto con nuove installazioni.

Tutte le operazioni effettuate vengono certificate, garantendo ai nostri clienti la trasmissione della documentazione agli organi competenti ed il rilascio del FIR che attesta il corretto smaltimento del rifiuto. 

Per maggiori informazioni sui nostri servizi relativi alla bonifica dei manufatti in amianto è possibile contattarci anche online. Il nostro team vi risponderà nel più breve tempo possibile.

Hai delle esigenze simili
o vuoi saperne di più su questo servizio?

Vuoi rimanere in contatto
con EcolSea?

Tag:
Condividi: