Contributo regionale a fondo perduto per la rimozione e lo smaltimento di materiali contenenti amianto nelle abitazioni private

contributo fondo perduto
  • Home
  • Amianto
  • Contributo regionale a fondo perduto per la rimozione e lo smaltimento di materiali contenenti amianto nelle abitazioni private

La Regione Siciliana ha approvato un contributo a fondo perduto mirato ad incentivare i privati cittadini alla rimozione e allo smaltimento di manufatti o materiali contenenti amianto presenti in abitazioni private e relative pertinenze situate nel territorio siciliano.

Tipologie di intervento finanziabili

Sono oggetto del contributo regionale a fondo perduto le spese sostenute per interventi di rimozione e successivo smaltimento di manufatti o materiali contenenti amianto presenti in unità immobiliari destinate a civile abitazione, relative pertinenze, ovvero concernenti manufatti condominiali, riguardanti:

  • coperture in cemento-amianto;
  • manufatti in cemento-amianto posti all’interno degli edifici quali, a titolo esemplificativo, canne fumarie, tubazioni, vasche, serbatoi;
  • pavimenti in vinyl-amianto;
  • manufatti in amianto friabile;
  • materiali presenti/depositati in aree private, purché́ non si tratti di rifiuti abbandonati.

Inoltre, rientrano tra gli interventi finanziabili anche i manufatti contenenti amianto nella proprietà̀ del beneficiario e a servizio della predetta unità immobiliare, anche se collocati in aree comuni o condominiali (vedi, ad esempio, un serbatoio ad uso esclusivo dell’abitazione collocato su spazi condominiali).

Sono finanziabili esclusivamente interventi effettuati successivamente alla presentazione della domanda di partecipazione al presente Avviso.

Sono esclusi dal contributo:

  • gli interventi concernenti le opere di ripristino e la realizzazione e messa in opera di manufatti sostitutivi;
  • la quota degli interventi che hanno beneficiato, all’atto della presentazione della rendicontazione, di altre agevolazioni/finanziamenti pubblici (esempio eco-sisma bonus, bonus ristrutturazione edilizio, etc), ovvero intendendosi eleggibile nel potenziale beneficio gli interventi sulla parte di ristrutturazione edilizia a carico del cittadino;
  • interventi relativi a immobili utilizzati quali beni strumentali per lo svolgimento dell’attività̀ professionale/artigianale.

Per ottenere il finanziamento, gli interventi di bonifica dovranno essere affidati a ditte qualificate e iscritte all’Albo Nazionale Gestori Ambientali alla categoria 10; il trasporto degli stessi a fini dello smaltimento deve essere effettuato da imprese iscritte alla categoria 5 dell’Albo Nazionale Gestori Ambientali.

Destinatari dei contributi e requisiti di ammissibilità

I manufatti in amianto devono essere presenti su unità immobiliari destinate a civile abitazione, e relative pertinenze, debitamente accatastate con codici A/1, A/2, A/3, A/4, A/5, A/6, A/7, A/8, A/9, A11, C/2, C/6 C/7 e F/5, ubicate nel territorio siciliano.

I beneficiari del contributo sono:

  1. le persone fisiche titolari del diritto di proprietà; 
  2. le persone fisiche con diritti reali di godimento, che dovranno allegare all’istanza, a pena di inammissibilità, l’assenso formale del proprietario dell’immobile all’esecuzione dell’intervento; 
  3. i condomini (rappresentati dal loro amministratore di condominio) che abbiano effettuato la comunicazione di cui al comma 3 dell’art.5 della Legge Regionale n.10 del 29 aprile 2014 i cui termini sono stati estesi con l’art.14 della legge n.13 del 26 maggio 2022.

Erogazione del fondo perduto

Il contributo a fondo perduto erogabile sarà concesso in misura dell’80% dei costi effettivamente sostenuti.

Per ciascuna unità immobiliare e relative pertinenze, il contributo massimo erogabile è di € 5.000,00.

Per gli interventi relativi a manufatti condominiali, il contributo massimo erogabile a ciascun condomino non può superare l’importo di € 2.500,00 per unità immobiliare, comprensiva di eventuale relativa pertinenza, nel limite massimo complessivo di € 30.000,00 per condominio.

Sono ammissibili al contributo anche le spese strettamente connesse agli interventi, nello specifico:

  • l’elaborazione del Piano di lavoro da presentare alla ASP (ex art.256 del d.lgs.81/2008);
  • l’esecuzione dei lavori di rimozione dei manufatti contenenti amianto;
  • il trasporto e il conferimento dei rifiuti contenenti amianto presso impianti autorizzati;
  • l’eventuale allestimento del cantiere di lavoro (es. ponteggio e sicurezza);
  • gli eventuali oneri amministrativi correlati all’esecuzione dei lavori.

Come accedere al bando?

Le domande per richiedere il contributo dovranno essere presentate esclusivamente on-line attraverso il sito internet www.bandoamianto.regione.sicilia.it dalle ore 12:00 del 19 settembre 2022 alle ore 18:00 del 2 dicembre 2022.

Perché è importante rimuovere l’amianto?

L’amianto è un materiale altamente nocivo per l’ambiente e per la salute dell’uomo, ed è ancora presente in diversi edifici.

È stato ampiamente utilizzato in passato per le sue proprietà termoisolanti e fonoassorbenti, sotto forma di lastrenelle coperture di edifici, nelle pareti divisorie o nei pannelli in cemento-amianto dei soffitti di edifici prefabbricati, nelle canne fumarie, nei serbatoi e nelle condotte d’acqua, nei pavimenti in vinil-amianto.

Bonificare gli edifici dalla presenza di amianto significa tutelare la salute dell’uomo eliminando il rischio da esposizione oltreché ridurre le emissioni inquinanti per l’ambiente.

Perché rivolgersi ad Ecol Sea Srl per effettuare una bonifica di amianto?

La nostra azienda con esperienza pluriennale del settore è iscritta all’Albo Nazionale Gestori Ambientali nelle categorie 10A e 10B per l’attività di bonifica e rimozione di beni contenenti amianto rispettivamente in matrice compatta e in matrice friabile e nella categoria 5 per il trasporto dei rifiuti pericolosi.

Con l’impiego del nostro personale, altamente specializzato, adeguatamente formato ed informato ai sensi del D. Lgs 81/08, offriamo un servizio completo che prevede:

  • sopralluogo gratuito;
  • studio di consulenza fattibilità;
  • adempimenti normativi per la bonifica dei manufatti in amianto;
  • servizio di campionamento e monitoraggio dell’aria;
  • servizio di campionamento dei manufatti;
  • bonifica e rimozione di manufatti in amianto;
  • trasporto e l’invio a smaltimento;
  • sostituzione dei manufatti in amianto con nuove installazioni.

Tutte le operazioni effettuate vengono certificate, garantendo ai nostri clienti la trasmissione della documentazione agli organi competenti ed il rilascio del FIR che attesta il corretto smaltimento del rifiuto.

Per maggiori informazioni sui nostri servizi relativi alla bonifica dei manufatti in amianto è possibile contattarci anche online. Il nostro team vi risponderà nel più breve tempo possibile.

Hai delle esigenze simili
o vuoi saperne di più su questo servizio?

Vuoi rimanere in contatto
con EcolSea?

Tag:
Condividi: